Statuto BMW drivers Club Italia

Indice articoli


Articolo 1

Costituzione

E' costituita l'associazione denominata "BMW drivers club Italia" con sede in Ferrara, via chiesa n. 371/3, cap 44100, presso il Presidente pro tempore.

L'associazione BMW drivers club Italia è una libera associazione di fatto, con durata illimitata nel tempo, senza scopo di lucro ed estranea a qualsiasi tendenza politica e religiosa, regolata a norma degli artt. 36 e seguenti del codice civile.

I Soci fondatori e il primo Consiglio Direttivo da loro costituito e determinato, sono indicati nell'allegato A. Il forum sul sito internet di BMW drivers club Italia costituisce il mezzo ufficiale attraverso il quale avvengono le comunicazioni tra il Consiglio Direttivo e i soci, secondo quanto previsto dagli articoli seguenti. L'indirizzo internet (www.bmwdrivers.it) ed il posizionamento del forum potranno essere modificati in funzione di esigenze pratiche o economiche.

L'associazione BMW drivers club Italia dà atto che il nome “BMW”, il logo, il doppio rene e tutte le sigle relative a modelli, versioni, allestimenti e dotazioni tecniche sono marchi registrati di proprietà della BMW AG e vengono utilizzati unicamente per necessità di identificazione di modelli particolari di veicoli, dotazioni o apparecchiature.

Articolo 2

Scopo sociale

L'associazione BMW drivers club Italia persegue i seguenti scopi:

Articolo 3

Affiliazioni

Con deliberazione del Consiglio Direttivo, l'associazione BMW drivers club Italia potrà affiliarsi ad altri club o associazioni che svolgano una attività affine e ne condividano l'oggetto e gli obiettivi sociali.

Il Consiglio Direttivo potrà altresì consentire l'affiliazione di altri club o associazioni che svolgano una attività affine e ne condividano l'oggetto e gli obiettivi sociali.

Articolo 4

Durata dell'associazione

Non vi è vincolo alcuno nella durata dell'associazione BMW drivers club Italia.

L'associazione potrà essere sciolta con il voto favorevole di due terzi dei soci fondatori.

L'anno sociale inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Articolo 5

Simbolo

Il simbolo distintivo di BMW drivers club Italia sarà costituito da un contrassegno grafico che verrà determinato dal consiglio direttivo entro 30 giorni dalla data di fondazione.

Articolo 6

Soci

I soci sono distinti nelle seguenti categorie:

Socio fondatore

Sono soci fondatori le 10 persone fisiche che hanno creato e fondato BMW drivers club Italia e che hanno nominato il primo Consiglio Direttivo, come da allegato al presente statuto (allegato A).
Quanto espresso nei seguenti articoli in merito ai soci ordinari deve intendersi valido anche per i soci fondatori.

Socio ordinario

Sono soci ordinari tutte le persone fisiche maggiorenni che siano legalmente in possesso di almeno un autoveicolo BMW.
I soci ordinari hanno diritto di voto con un voto a testa indipendentemente dal numero di autoveicoli posseduti.
La qualifica di socio ordinario è valida un anno solare ed è subordinata al versamento della quota sociale stabilita dal Consiglio Direttivo. Il versamento deve avvenire nei termini previsti dal presente Statuto.

Socio benemerito

Sono Soci benemeriti i Soci che si sono distinti con attività in favore del marchio o del BMW drivers club Italia, la loro elezione avviene o per decisione del Consiglio Direttivo o per decisione dell'assemblea dei Soci, la qualifica non ha decadenza nè privilegi, e necessità del mantenimento degli obblighi del socio ordinario.

Socio onorario

Sono soci onorari i membri del Club che ricevono tale investitura dal Consiglio Direttivo del Club, i Soci onorari non devono versare la quota associativa, pur essendo Soci a tutti gli effetti, salvo che non intendano candidarsi nel Consiglio Direttivo e vengano eletti.

Presidente onorario

Tutti i presidenti dell'associazione, a scadenza di mandato saranno considerati presidenti onorari, tale carica è senza scadenza e non prevede privilegi.

Socio affiliato/simpatizzante

Possono essere soci affiliati/simpatizzanti tutte le persone fisiche che non siano possessori di un autoveicolo BMW.
I soci affiliati/simpatizzanti possono partecipare alle Assemblee ma non hanno diritto di voto.
Il socio affiliato/simpatizzante è tenuto al versamento della quota sociale, eventualmente in misura ridotto, secondo decisione del Consiglio Direttivo.

Articolo 7

Iscrizioni e dimissioni

Chiunque aspiri ad essere socio di BMW drivers club Italia deve compilare l'apposita domanda (allegato B) e inviarla al Consiglio Direttivo.

La domanda verrà esaminata nel minor tempo possibile dal Consiglio Direttivo che si pronunzierà sull'accoglimento o meno, a suo insindacabile giudizio, motivando l'eventuale rifiuto di accoglimento della domanda.

Sino ad allora, la domanda si intende in attesa di approvazione. L'aspirante socio potrà partecipare alle attività di BMW drivers club Italia, ma non avrà diritto di voto nelle Assemblee. L'aspirante socio, con la sottoscrizione della domanda, assume il formale impegno di osservare e far osservare, da subito, le norme dello statuto di BMW drivers club Italia, i regolamenti e le deliberazioni del Consiglio Direttivo.

Il socio che intende dimettersi dovrà farlo attraverso una comunicazione scritta o via email indirizzata al Presidente di BMW drivers club Italia.

Articolo 8

Quota associativa: importo, validità e termini di versamento

L'ammontare della quota sociale e la sua periodicità sono di esclusiva pertinenza del Consiglio Direttivo, che ne determinerà l'ammontare, avendo altresì il potere di decidere deroghe, riduzioni o gratuità della quota stessa.Il rinnovo della quota associativa dovrà essere effettuato entro il 31 gennaio di ciascun anno.

Poichè la qualifica di "socio ordinario" è subordinata al pagamento della quota associativa, essa cessa immediatamente qualora non venisse effettuato il saldo della quota entro il termine stabilito.

Il pagamento della quota di iscrizione per una nuova associazione dovrà essere versato contestualmente alla domanda di ammissione a BMW drivers club Italia.

Qualora l'iscrizione avvenga durante il corso dell'esercizio sociale, la quota associativa si intende comunque terminante alla fine dello stesso esercizio sociale.

In caso d'iscrizione avvenuta in periodo particolarmente avanzato nel corso dell'anno, il Consiglio Direttivo ha facoltà di determinare una riduzione della quota, da decidersi caso per caso.

In caso di recesso, dimissioni od espulsioni il Socio non avrà diritto ad alcun rimborso di quote o contributi versati, nè ad alcun'altra forma di restituzione o liquidazione e comunque non potrà vantare alcun diritto o pretesa in ordine ai beni od oggetti appartenenti a BMW drivers club Italia.

La sospensione non comporta l'esonero neppure parziale dal versamento delle quote e contributi.

Articolo 9

Diritti dei soci

I soci hanno il diritto di partecipare a tutte le manifestazioni e le attività di BMW drivers club Italia.

I soci ordinari hanno diritto di voto e possono partecipare a tutte le assemblee ordinarie e/o straordinarie ed ogni qualvolta sia loro richiesto di esprimerlo.

Possono richiedere la convocazione dell'Assemblea i due terzi dei soci ordinari, che hanno altresì la facoltà di indicare una voce dell'ordine del giorno di quella convocazione. La richiesta di convocazione può avvenire per via telematica, mediante apertura di un database apposito per la raccolta dei voti.

Articolo 10

Doveri dei soci

Con l’adesione a BMW drivers club Italia, il Socio si impegna a:

Articolo 11

Provvedimenti disciplinari

Eventuali infrazioni alle norme di comportamento, a seconda della gravità e della frequenza, daranno luogo all'adozione dei seguenti provvedimenti disciplinari da parte del Consiglio Direttivo:

Il Consiglio Direttivo contesta per iscritto al Socio interessato i fatti per i quali intende adottare il provvedimento disciplinare, specificando la relativa sanzione. Il Socio ha il diritto di fare pervenire entro quattordici giorni le sue controdeduzioni per iscritto, oppure di richiedere di essere sentito personalmente. L'audizione dinanzi al Consiglio Direttivo avverrà prima possibile con contestuale stesura di un verbale.

Entro quattordici giorni dalla ricezione delle controdeduzioni scritte o dall'audizione del Socio, il Consiglio Direttivo con provvedimento motivato conferma la sanzione o dispone l'archiviazione del procedimento.

Nel caso in cui il Socio non faccia pervenire nel termine stabilito le sue controdeduzioni o la richiesta di essere sentito personalmente, allo spirare del termine il provvedimento disciplinare si intende senz'altro confermato.

Articolo 12

Organi direttivi

Gli organi direttivi di BMW drivers club Italia sono:

Le cariche non sono remunerate, e sono concessi rimborsi spese solo se specificatamente autorizzati dal Consiglio Direttivo.

Articolo 13

Presidente

Il presidente:

In caso di assenza del Presidente, le relative funzioni sono assunte dal Vicepresidente, scelto tra i componenti del Consiglio Direttivo.

Articolo 14

Consiglio direttivo

è inderogabilmente previsto che possono far parte del Consiglio Direttivo i soli soci ordinari e fondatori, in numero di cinque.

Il mandato del Consiglio Direttivo dura due anni e tutti i Consiglieri sono rieleggibili.

In caso di dimissioni di un consigliere, subentrerà il primo dei non eletti fino alla scadenza del mandato del Consiglio Direttivo. In caso di dimissioni di un numero di consiglieri pari o superiore ai due terzi, il mandato del Consiglio Direttivo sarà concluso e si procederà al rinnovo di tutte le cariche sociali.

Il Consiglio Direttivo si riunisce e delibera nei modi previsti dal presente Statuto.

Il Consiglio Direttivo è l'organo di massimo e delibera ed è competente su tutto quanto riguarda la vita BMW drivers club Italia:

Inoltre ha la competenza in materia di:

Articolo 15

Assemblea generale

L'Assemblea Generale è costituita dai soci fondatori e da tutti i soci ordinari in regola con il disposto dell'Art. 8.

Sono ammesse deleghe scritte in numero massimo due per socio effettivamente presente.

L'Assemblea Generale può essere Ordinaria o Straordinaria.

L'Assemblea Ordinaria viene indetta annualmente dal Presidente.

L'Assemblea Straordinaria può essere richiesta dai due terzi del Consiglio Direttivo o da almeno i due terzi dei soci ordinari; il Presidente, verificata la validità della richiesta, potrà quindi convocare l'Assemblea Straordinaria.

Potrà essere richiesta la convocazione dell'Assemblea Straordinaria nei modi e per i motivi previsti nel disposto dell'Art. 16.

Articolo 16

Convocazione dell'assemblea

Alla convocazione dell'Assemblea, Ordinaria o Straordinaria, provvede il Presidente di BMW drivers club Italia mediante comunicazione sul forum BMW drivers club Italia con un preavviso di almeno quindici giorni sulla data fissata per la prima convocazione. La comunicazione conterrà data, ora e luogo di svolgimento della prima e dell'eventuale seconda convocazione e il relativo ordine del giorno.

La seconda convocazione non potrà essere fissata prima di 24 ore dallo svolgimento della prima convocazione.

Articolo 17

Validità delle assemblee

L'Assemblea Ordinaria e Straordinaria si intendono validamente costituite in prima convocazione se sono presenti fisicamente almeno la metà più uno dei soci ordinari iscritti al momento della convocazione, ovvero in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci ordinari presenti.

L'Assemblea Ordinaria si riunisce una volta l'anno per assolvere ai compiti del disposto dell'Art. 18.

Articolo 18

Competenze dell'assemblea

L'Assemblea Ordinaria:

L'Assemblea Straordinaria:

Articolo 19

Svolgimento delle assemblee

L'Assemblea Ordinaria e Straordinaria eleggono un presidente ed un segretario.

Il presidente deve constatare la validità della convocazione dell'assemblea e iniziare i lavori seguendo l'ordine del giorno.

Il segretario redige il verbale dell'Assemblea che dovrà necessariamente essere firmato sia dal presidente che dal segretario. Il verbale verrà pubblicato in bacheca sul forum, a disposizione di tutti i soci.

Articolo 20

Deliberazioni - Maggioranze richieste

Articolo 21

Fondi

Il fondo comune dell'associazione è costituito da:

Con il fondo comune si provvede alle spese ordinarie e straordinarie dell'associazione. Il Consiglio Direttivo determina i criteri della gestione finanziaria del fondo comune.

Articolo 22

Bilancio

Ciascun anno finanziario inizia il 1 Gennaio e termina il 31 dicembre.

Entro due mesi dalla chiusura dell'esercizio, il Consiglio Direttivo predispone ed approva il Bilancio preventivo ed il Bilancio consuntivo. Le deliberazioni di approvazione sono poi sottoposte alla ratifica da parte dell'Assemblea Generale.

Articolo 23

Recepimento automatico di norme

Articolo 24

Rinvio alle norme di legge

Per tutto quanto non contemplato nel presente Statuto, valgono le disposizioni del Codice Civile, nonchè le leggi speciali ed in mancanza, i principi di diritto che regolano la materia.

Articolo 25

Controversie: arbitrato - foro competente

Ferrara li, 18 Maggio 2010
Back